La storia del bollitore elettrico

Di recipienti di varie forme e dimensioni, adatte a scaldare l’acqua è pieno di testimonianze fin dall’antichità. Una delle prime testimonianze della presenza di una qualche sorta di bollitore per scaldare l’acqua sul fuoco risale addirittura alle civiltà dell’antica Mesopotamia. Ovviamente erano di gran lunga lontani a ciò che è presente oggi nell’immaginario collettivo riguardo al bollitore, e soprattutto non si trattava di bollitori di tipo elettrico, i più recenti.

Volgendo maggiormente l’attenzione verso i bollitori di genere più moderno, è possibile individuare, negli ultimi decenni, due principali categorie in cui suddividere tutti i bollitori in circolazione: i bollitori da porre su un fornello, e i bollitori elettrici.

I bollitori di tipo più tradizionale sono quelli realizzati interamente in metallo, totalmente chiusi se non per due piccole aperture, una per aggiungere l’acqua, e l’altra per versarla una volta portata ad ebollizione, e questo li rende generalmente molto difficili da pulire e quindi adatti ad ospitare solamente acqua, possibilmente filtrata o comunque poco calcarea. Sarà infatti necessario solamente riempire il bollitore, porlo su un fornello (nel caso si tratti di un piano ad induzione sarà bene anche assicurarsi che il tipo di bollitore da voi acquistato o posseduto sia adatto a questo tipo di piani di cottura) ed aspettare il classico fischio che indica che l’acqua è arrivata alla sua temperatura di ebollizione.

Un bollitore elettrico rappresenta invece un’alternativa più sicura e veloce, ed utilizza una base, collegata ad una presa di corrente elettrica, per scaldare una resistenza in modo che questa possa portare l’acqua alla temperatura di ebollizione. Un bollitore elettrico è in grado di scaldare una tazza d’acqua in meno di un minuto, è realizzato in modo e materiali generalmente diversi da quelli di un bollitore normale, e contiene solitamente una buona quantità di plastica. È possibile conoscere tutte le caratteristiche ed i modelli di bollitori elettrici disponibili in commercio al sito https://bollitorielettrici.it/, dove una pratica guida all’acquisto vi porterà a conoscere tutti vantaggi di un bollitore elettrico rispetto ad uno tradizionale, e come scegliere al meglio il vostro nuovo bollitore elettrico.

Previous
Fattori da valutare prima di acquistare una grattugia elettrica
Next
I panni per robot aspirapolvere con lavapavimenti